giovedì 7 maggio 2009

I'm not in love but I could be

Questo collettivo di tedeschi da dove è saltato fuori? E' una scoperta bellissima, forse qualcuno ne avrà letto su Skatterbrain. Non ci sono notizie in giro su The Soulboy Collective e quelle sul loro space sono scritte male. Hanno realizzato soprattutto remix inseriti in compilation di suono dub e lounge, ma la loro roba è super entusiasmante. Sono dalle parti della Scandinavia balearica, ci sono gli Embassy, i campionamenti di Jens, la motown, il northern soul. Pare che dopo otto anni di inattività stiano per incidere qualcosa con una label di Londra, Underground Itself. Esistono davvero? Non si griderà al miracolo ma nemmeno si smetterà di ballare.

(♫) The Soulboy Collective - I'm not in love but I could be
(♫) The Soulboy Collective - Pattonville Soulgirl

2 commenti:

e. ha detto...

Davvero molto carini, ma anche se il riferimento agli Embassy può valere per l'attacco di "Pattonville" e di "Juventus", direi che non sono molto in vena "balearica".
Più che altro mi ricordano quei gruppi Shelflife e Matinée di fine 90 / inizio secolo (vedi tutte quelle batterie campionate un po' arrotolate Cardigans). La componente Motown mi pare preminente.
"It's all because of you" nel nastrone estivo oppure "I'm not in Love"?
Grazie per la segnalazione!
ciao, e.

FedE ha detto...

Grazie a te per la precisazione.
Tra le due "I'm not in love", anche se pure Pattonville Soulgirl quando parte il ritornello...